20 Trucchi SEO per migliorare il Posizionamento del tuo sito [tecniche SEO]

Trucchi per posizionarsi meglio e arrivare in prima pagina su Google.

Quando parliamo di trucchi SEO ci riferiamo alle tecniche da attuare per migliorare il posizionamento su Google di un sito web: ovvero le tecniche più efficaci.

L’obiettivo principale, di chi fa SEO, è quello di salire di posizione su Google ed ottenere una migliore visibilità nei risultati “organici” delle SERP.

Bloggers e marketers, vogliono sapere come essere primi su Google, come tutti coloro che decidono di creare un blog o un sito web.

Altrimenti che senso avrebbe pubblicare contenuti sul web? Basterebbe scrivere un bel diario “cartaceo” dove raccontare pensieri ed esperienze..

Purtroppo sapere come fare per essere in prima pagina su Google, non sempre significa riuscirci.

Infatti sono tanti i fattori che concorrono al raggiungimento di questo obiettivo e non esiste una strategia SEO “standardizzata” per tutti.

Anche se su un sito realizzato in WordPress è possibile, agevolmente, intervenire sui fattori interni (on-page) per rendere più efficace le attività SEO: attraverso alcuni plugin specifici.

Ma vediamo insieme quali sono i 20 trucchi per guadagnare posizioni su Google.

20 trucchi per migliorare il posizionamento ed essere primi su Google

Per “trucchi” SEO si intendono gli “accorgimenti” che, usati in base alle singole necessità, concorrono al raggiungimento delle prime posizioni su Google.

In linea di massima, gli accorgimenti che ti propongo, saranno utilissimi per migliorare il posizionamento SEO del tuo sito web a prescindere l’uso di WordPress.

Trucco SEO #1 – Scegliere accuratamente le parole chiave da ottimizzare –

Ottimizzare i contenuti con le parole chiave dalla Il primo trucco SEO riguarda la scelta delle parole chiave. Una delle prime strategie per posizionarsi in alto nelle SERP  è quello di affidarsi alle long tail keywords (dalla “coda lunga”).

Infatti posizionare parole chiave brevi “secche” è molto più difficile che posizionare parole chiave più lunghe e specifiche. Mi spiego.

Posizionarsi con la parola “occhiali”, sarà molto più difficile che posizionarsi con la long tail “occhiali da sole”. Allora?

Il primo trucco consiste per l’appunto nell’ottimizzare le pagine e gli articoli del tuo sito web puntando sulle long tail keywords.

Parti dal macro argomento del tuo sito ed entra nello specifico: crea articoli e pagine che si ricollegano all’argomento principale che tratti.


Trucco SEO #2 – Ottimizzare il tag Title (titolo HTML) –

Scrivere un tag title ottimizzato migliora il posizionamento sui motori di ricerca.Il tag title è il titolo che viene mostrato come risultato di una ricerca su Google (query).

È fondamentale scrivere un titolo significativo che contiene la parola chiave con cui si desidera rendere raggiungibile la pagina da ricercare.

Il titolo deve essere “unico” per ogni pagina o articolo del sito web. Come unico e originale deve essere ogni singolo contenuto che descrive.

Ma è opportuno inserire la parola chiave nel titolo senza ripeterla e scrivere un titolo lungo al massimo 60 caratteri per non essere “troncato” da Google.

Riepilogando: devi scrivere un titolo descrittivo del contenuto, contenente la parola chiave senza ripeterla e lungo non più di 60 caratteri.


Trucco SEO #3 – Usare gli strumenti giusti per individuare le keywords più efficace per scrivere il titolo –

Strumenti SEO per favorire il posizionamento sui motori di ricerca.Saper individuare le parole chiave più efficaci per scrivere un titolo, come per creare l’intero contenuto, è l’attività SEO da curare maggiormente.

Per scegliere le keywords giuste il trucco sta nell’usare i migliori strumenti per la tua keyword research, che per me sono:


Trucco SEO #4 – Curare il meta tag description –

Il meta tag description (meta descrizione) è la porzione di testo che compare sui motori di ricerca sotto il titolo della pagina.

Sappiamo che è consigliabile includere la parola chiave di riferimento nella meta descrizione che non dovrebbe superare i 156 caratteri.

L’obiettivo della meta descrizione è stimolare l’utente a cliccare sul link per raggiungere il sito web/blog pubblicato.

Un trucco per stimolare l’attenzione degli utenti è scrivere una descrizione, in 156 caratteri, racchiudendo il senso della pagina e la call to action per generare il “click”.


Trucco SEO #5 – Scrivere prima per gli utenti e poi per i motori di ricerca –

Alla base di un buon posizionamento SEO ci sono i contenuti scritti prima per i lettori e poi ottimizzati per i motori di ricerca.Alla base di un buon posizionamento sui motori di ricerca c’è la scrittura e la pubblicazione di contenuti interessanti, utili ai lettori.

Infatti i motori di ricerca, su tutti Google, “premiano” i contenuti ben ottimizzati che soddisfano per primo le reali esigenze dei lettori stessi.

Il trucco è scrivere i contenuti mettendosi nei panni dei lettori per capirne le esigenze e offrire le informazioni di cui hanno bisogno.

Solo successivamente si possono mettere in campo le strategie e le tecniche SEO più oppurtune per attirare “l’attenzione” di Google.


Trucco SEO #6 – Aprire i testi delle tue pagine con immagini accattivanti e descrittive –

Dal concetto precedente circa il bisogno di soddisfare i lettori è necessario “catturare” la loro attenzione.

A tal proposito è opportuno aprire i testi delle pagine con immagini accattivanti.

In più occorre inserire le opportune descrizioni nel tag alt che spiegano l’immagine e avvalorano il contesto in cui si trovano.


Trucco SEO #7 – Inserire elementi multimediali a completamento del contenuto testuale –

Inserire elementi multimedialièun ottimo trucco SEO per aumentare il tempo di permanenza sulle pagine di un sito web.Al testo si possono allegare differenti tipologie di elementi multimediali come i file PDF, gli audio, i video e le infografiche.

Questi componenti vanno integrati per aiutare i lettori  “staccarsi” temporaneamente dalla lettura e aumentare il tempo di permanenza sulla pagina.

Così facendo è possibile ottenere una riduzione della frequenza di rimbalzo e un conseguente miglioramento del posizionamento.


Trucco SEO #8 – Ottimizzare le immagini: comprimere e inserire il tag ALT –

Le giuste immagini vanno distribuite nella pagina per renderla visivamente più “attrente” e piacevole alla lettura.

Mentre la descrizione nel tag ALT serve a Google, che non può leggere i testi sulle immagini, per capire il “senso” di quello che esprimono.

Ottimizzare le immagini significa anche comprimerle per ridurne il “peso” che influisce sulla velocità di caricamento delle immagini stesse, quindi delle pagine.


Trucco SEO #9 – Calcolare la densità delle parole chiave –

Nel rispetto del contenuto, e della sua leggibilità, è importante che la densità delle parole chiave si attesti intorno al 2-3%.

Le keywords vanno opportunamente inserite ad inizio testo, al centro ed anche nella parte finale della pagina.

Inoltre non bisogna dimenticare di usare sinonimi da “piazzare” altrove per non risultare ripetitivi e dare a Google la possibilità di comprendere meglio i contenuti.


Trucco SEO #10 – Fare link building e link earning –

Fare link building è un ottimo modo per ottenere miglioramenti nel posizionamento su Google.Per salire nelle classifiche di Google è fondamentale otttenere quanti più link che puntano al nostro sito.

Ovvio che i link debbano provenire da fonti considerate”autorevoli”. Ma è innegabile che costruire una buona rete di backlink sia determinante ai fini di un buon posizionamento SEO.

Essenziale sarà creare contenuti di effettiva qualità, che vadano a guadagnarsi “da soli” backlink esterni.

Questo modo “naturale” di ottenere backlink non “costruiti” prende il nome di link earning.


Trucco SEO #11 – Usare URL SEO-friendly –

Le URL SEO-friendly aiutano a scalare le classifiche dei motori di ricerca.L’uso di URL SEO-friendly aiutano i motori di ricerca a classificare meglio i contenuti.

In più aiutano gli utenti a raggiungere facilmente le pagine pubblicate sul sito web o sul blog.


Trucco SEO #12 – Usare i Social Media come strumento “indiretto” per la SEO –

Pur non essendo uno strumento “diretto” per la SEO, anche Matt Cutts  invitava a fare uso dei social media.

Infatti, Facebook e Twitter, sono strumenti utilissimi per fare conoscere il sito in modo indiretto e ottenere link.

In questo caso si tratta di una forma di link earning “indiretta”: dove  un contatto Facebook scopre il nostro sito e lo va a linkare.


Trucco SEO #13 – Usare i suggerimenti di Google per distribuire parole chiave correlate nel testo –

Utilizzare i suggerimenti di Google è un trucco efficace per individuare long tail da distribuire all’interno del testo della pagina.

Effettuando una query su Google, si ottengono suggerimenti di ricerca correlati che possono essere inseriti all’interno della pagina da posizionare.


Trucco SEO #14 – Velocizzare il tuo sito web/blog –

Aumentare la velocità di caricamento delle pagine di un sito è uno dei trucchi per scalare le classifiche nel posizionamento su Google.Un sito web veloce, che vede le sue pagine caricarsi nel minor tempo possibile, avrà maggiori possibilità di ottenere un posizionamento migliore.

A questo scopo sarà necessario, oltre che ottimizzare correttamente le immagini, affidarsi ad un servizio di hosting professionale.

Uno dei migliori servizi di hosting che ti consiglio per “velocizzare” il sito è Siteground che puoi acquistare (con lo sconto) direttamente dal link seguente.

Infatti la scelta dell’hosting migliore è uno di quei fattori indispensabili da curare per arrivare primi su Google.


Trucco SEO #15 – Utilizzare un CMS dal codice “pulito”: WordPress il migliore al mondo –

Pagine scritte con codice pulito aiutano il posizionamento: il trucco è usare un cms SEO friendly come WordPress.Ai fini di un buon posizionamento SEO è opportuno conoscere i linguaggi di programmazione: Php, HTML ecc.

Per chi non conoscesse questi linguaggi consiglio di usare WordPress.

WordPress non è altro che la piattaforma per la gestione dei contenuti migliore al mondo, per creare siti web o blog facilmente.

IL vantaggio è nel fatto che WordPress è scritto con un codice già “pulito” e SEO ready: ovvero già ottimizzato per i motori di ricerca.


Trucco SEO #16 – Scegli i migliori plugin per il tuo sito in WordPress –

La scelta dei plugin migliori, per le funzionalità di WordPress, contribuisce ad aumentare la velocità di caricamento delle tue pagine.

Per questo motivo è opportuno scegliere plugin ben “scritti”, dal codice anch’esso pulito, che non  “appesantiscono” l’intero sito web o blog.


Trucco SEO #17 – Aggiornare frequentemente i tuoi articoli –

Google, insieme agli altri motori di ricerca, posiziona meglio (preferendole) le pagine che offrono contenuti di qualità. Su questo siamo tutti d’accordo.

Ma un buon indice di qualità è anche la “freschezza” dei contenuti che vanno opportunamente aggiornati frequentemente.


Trucco SEO #18 – Rimuovere gli URL spazzatura da Google –

Per non “confondere” i motori di ricerca è utile rimuovere gli URL “spazzatura”: quelli che non sono più utili e non intendiamo più “usare”.

Spesso infatti si lasciano pagine inutili da cancellare abbandonate su Google.

Un trucco per “trovare” le pagine inutili è vedere tutte le pagine indicizzate, per andarle a cancellare come segue.

Scrivi su Google “site:mydomain.com”, cliccare fino all’ultima pagina, e poi cliccare ripetendo la ricerca includendo i risultati omessi.

Fai una lista di tutti gli URL inutili, obsoleti, vuoti, rotti e duplicati che Google vede sul tuo sito.

Eliminali dal tuo sito, o aggiungi i meta tag robots noindex alle pagine che semplicemente non desideri visualizzare su Google.

Questa procedura di “pulizia” ti aiuterà a far salire di rankig le pagine che realmente ti interessano.


Trucco SEO #19 – Linkare a siti con grande autorità e trovare broken link –

Individuare e correggere i link rotti aiuta il posizionamento delle pagine su Google. Un trucco SEO che funziona davvero è collegare ogni post creato ad almeno 3 siti di grande autorità e costruire backlink trovando dei broken link nei migliori siti web.

Dopo averli individuati, contatta i webmaster di questi siti proponendo loro in alternativa di usare link al tuo sito web al posto dei broken link.


Trucco SEO #20 – Sentiti libero di fare SEO come vuoi –

Nel fare SEO, per posizionare il tuo sito web o blog in alto nelle SERP su Google, ti consiglio di sentirti “libero”.

Ricorda che ciascuna tecnica, strategia e accorgimento SEO vanno usate in base alle reali esigenze del tuo sito o blog.

Il mio consiglio è quello di scrivere sempre per i tuoi lettori senza la ricerca frenetica del “gradimento” di Google.

Il trucco finale è quello di piacere per primo ai lettori, ricordalo. Solo dopo puoi pensare a come “conquistare” posizioni su Google.

Anche perché, viceversa, rischieresti solo di incappare in quella definita come “sovraottimizzazione” ed ottenere “meritate” penalizzazioni.

Conclusioni

In questo articolo ti ho indicato i “trucchi”, meglio intesi come “accorgimenti”, per migliorare il posizionamento SEO del tuo sito web.

A questo punto tocca a te usare la SEO nel modo che ritieni più opportuno e decidere la strategia più opportuna.

Tu di che SEO sei? Commenta ed esprimi le tue considerazioni liberamente!

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli Correlati

20 Trucchi SEO per migliorare il Posizionamento del tuo sito ultima modifica: 2017-10-11T12:46:04+00:00 da Ugo Tridico
Condividi adesso!